Aprire una Partita IVA nel 2018

Prima di entrare nel vivo della guida, bisogna capire quando è obbligatorio aprire la partita Iva. Secondo l’articolo 5 DPR 633/72 un lavoratore autonomo è obbligato ad avere una partita IVA quando svolge un’attività autonoma in maniera abituale e professionale, anche se questa attività lavorativa è svolta in modo non esclusivo o continuativo.

Aprire una partita IVA nel 2018 è davvero molto semplice ma sopratutto gratuito. Infatti, è possibile richiedere l’apertura della propria partita IVA direttamente online. Le procedure da seguire sono:

  • Recarsi sul sito web dell’Agenzia delle Entrate e compilare il modello di inizio attività ossia il modello AA9/12 e il modello AA7/10;
  • Registrarsi su Fiscoonline;

In alternativa, è possibile chiedere direttamente ad un commercialista l’apertura della propria partita Iva. Terminate le procedure precedentemente elencate, i tempi di assegnazione della partita IVA sono molto veloci, poichè l’Agenzia delle Entrate rilascerà il numero della Partita Iva direttamente tramite la vostra PEC.

Le modalità per aprire una partita Iva cambia a seconda dell’attività produttiva. Infatti se si tratta di un libero professionista le modalità sono quelle elencate in precedenza, mentre se l’apertura della Partita Iva riguarda una ditta Individuale oppure un’altra tipologia di azienda, essa dovrà essere effettuata tramite comunicazione unica e quindi da un professionista del settore.

 

Aprire una Partita IVA nel 2018